Cos’è lo SPID ?

I 100 libri da non perdere di Informatica e Internet

Soprattutto recentemente avrete senza dubbio sentito parlare di SPID, in merito alla richiesta di bonus, agevolazioni e servizi.
Ma cos’è esattamente?
Lo SPID,  acronimo di Sistema Publlico di Identità Digitale, è il sistema di autenticazione che permette ai cittadini maggiorenni che lo richiedono e ad imprese di accedere ai servizi online della Pubblica Amministrazione e dei privati aderenti con un’identità digitale unica.
Grazie ad esso è quindi possibile controllare la propria posizione presso enti pubblici pubblici, enti previdenziali, fare domanda per i concorsi pubblici e molto altro.

I 100 libri da non perdere di Informatica e Internet

La c.d. identità SPID è costituita dalle tipiche credenziali, nome utente e password, che vengono rilasciate al richiedente e che permettono l’accesso a tutti i servizi online.
Come richiedere ed ottenere lo SPID?
Occorre rivolgersi ad uno dei tanti Identity Provider autorizzati.


A tal fine è sufficiente essere dotati:

• di un indirizzo e-mail;
• un numero di linea mobile;
• un documento di identità valido (Carta di identità, passaporto, patente, permesso di soggiorno);
• tessera sanitaria con il codice fiscale.

 

La fase di registrazione si articola in tre differenti passaggi:
• inserimento dati anagrafici;
• creazione credenziali Spid;
• riconoscimento.



Dopodichè, a registrazione avvenuta, si riceveranno a mezzo email o lettera raccomandata le relative credenziali SPID.
Lo SPID è un sistema sicuro?
Molta importanza viene data alla sicurezza dei dati personali dei cittadini.
Ed è per tale motivo, che lo SPID è disponibile in tre diversi livelli di identità di cui ciascuno possiede un diverso sistema di sicurezza.
– Primo livello per l’autenticazione è sufficiente inserire il proprio ID e la password, che deve essere modificata ogni sei mesi
– Secondo livello si aggiunge una password aggiuntiva (di tipo one time).
– Terzo livello, utilizzabile solo da chi richiede lo Spid con determinati provider, prevede l’aggiunta di una smart card.

Link consigliati

Discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: